89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Tagliando elettronico: le telecamere per “leggere” le targhe non sono omologate

pubblicato da il 7 ottobre 2015
Tagliando elettronico: le telecamere per “leggere” le targhe non sono omologate

Mancano sempre meno giorni all’introduzione del tagliando elettronico in luogo di quello cartaceo, che comporterà la scomparsa del tradizionale contrassegno di carta dai parabrezza delle auto. Come è ormai noto a tutti, infatti, dal prossimo 18 ottobre la copertura assicurativa dei veicoli verrà accertata tramite la lettura elettronica della targa, che potrà essere effettuata o di persona dalle Forze dell’Ordine nel corso di un posto di blocco, oppure su segnalazione dei dispositivi elettronici di rilevazione a distanza quali autovelox, tutor, telepass, telecamere ZTL e altri sistemi di videosorveglianza.

Fin qui tutto bene, visto che questa riforma promette di portare numerosi vantaggi, a cominciare da una drastica diminuzione delle frodi assicurative con conseguente (si spera) calo delle onerosissime tariffe RC auto, che oggi obbligano gli automobilisti italiani a vorticosi tour de force in cerca dei migliori preventivi assicurazione. Peccato, però, che proprio nell’imminenza dell’entrata in vigore del provvedimento sia spuntato fuori un “piccolo” particolare che rischia di annacquarne quasi completamente la portata: nessun sistema di telecamere attualmente presente sulle strade italiane è omologato per sanzionare automaticamente i veicoli non in regola con l’assicurazione. E non è neanche una questione di hardware o software, ma di burocrazia.

Il problema, già segnalato mesi fa dall’ANIA ma mai preso seriamente in considerazione, consiste nel fatto che, in base all’attuale normativa, i sistemi di controllo del traffico senza presenza umana (come appunto gli autovelox, i tutor e le telecamere Ztl) non possono essere impiegati per multare chi non è assicurato se contemporaneamente non viene commessa un'altra infrazione, per esempio l'eccesso di velocità. In parole povere: questi dispositivi possono “leggere” le targhe ma non possono multare eventuali trasgressori.

Vanno quindi omologati al più presto e, visti tempi strettissimi per un disegno di legge ad hoc, al momento l’unica soluzione percorribile sembra quella di un decreto legge che autorizzi i sistemi di controllo a distanza a sanzionare in automatico chi circola senza RC auto. Altrimenti la rivoluzione del tagliando elettronico si rivelerà un gigantesco flop.

Vota la news:

Valutazione media: 5,0 su 5 (basata su 18 voti)

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Guide alle assicurazioni