02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Risarcimento per incidente stradale all’estero: cosa fare

pubblicato da il 13 settembre 2012
Risarcimento per incidente stradale all’estero: cosa fare

Anche se non è quasi più tempo di vacanze, è sempre buona cosa sapere come comportarsi in caso di incidente stradale all’estero, o incidente in Italia con un’auto avente targa straniera, per ottenere il risarcimento e semplificare al massimo le noie burocratiche. In questa occasione ci viene in soccorso Altroconsumo, che ricorda a tutti gli automobilisti italiani l’esistenza di una particolare procedura valida nei paesi dello Spazio Economico Europeo (SEE), del quale fanno parte i 24 stati membri dell’UE nonché Islanda, Liechtenstein e Norvegia.

Prima di illustrare i punti salienti di questa procedura, focalizziamo per un attimo l’attenzione sul cosiddetto “mandatario”, una figura professionale molto utile, se non indispensabile, in caso di sinistro fuori dai nostri confini: si tratta infatti di un referente nominato dalle compagnie assicuratrici in ognuno dei paesi SEE, a cui rivolgersi qualora sorgano probabili ostacoli linguistici per il corretto espletamento della procedura.

Detto ciò, la procedura europea per l’ottenimento dell’indennizzo si riassume nei seguenti quattro punti:

  • Acquisizione dei dati dell’auto che vi ha danneggiato. E’ sufficiente la targa, ma ovviamente qualsiasi ulteriore informazione può aiutarvi ad ottenere quanto vi spetta. Quindi è consigliabile compilare correttamente il modulo blu della constatazione amichevole e, se possibile, scattare anche qualche foto.
  • Trasmissione dei dati all’Isvap. L’indirizzo è: Isvap - Centro informazioni, via del Quirinale 21 – 00187 Roma. Tel. 800.486.661 (lun-ven, 9:00 – 13:30).
  • Attraverso i dati che avete fornito, l’Isvap identifica la compagnia assicuratrice dell’automobilista straniero con cui avete avuto il sinistro e il suo mandatario in Italia.
  • Infine l’Isvap indica il mandatario a cui rivolgervi per ottenere la liquidazione del sinistro. Una volta ricevuta la vostra richiesta di indennizzo, il referente avvia la procedura ed entro 3 mesi deve comunicarvi l’offerta di risarcimento o, al contrario, i motivi per i quali ritiene che non ne abbiate diritto.

Nota importante prima di chiudere: tale procedura non esclude la facoltà di fare tutto in proprio e di richiedere il risarcimento direttamente al responsabile del sinistro o alla compagnia assicuratrice della vettura che ha causato il sinistro.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Guide alle assicurazioni