02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Rc auto fuori dal decreto Destinazione Italia: stop a tutte le novità annunciate

pubblicato da il 5 febbraio 2014
Rc auto fuori dal decreto Destinazione Italia: stop a tutte le novità annunciate

Incredibile ma vero: l’articolo 8 del decreto Destinazione Italia, quello che avrebbe introdotto numerose, seppur controverse, novità in materia di Rc auto, sarà completamente stralciato dal provvedimento. La decisione è stata presa durante una riunione tra i capigruppo della maggioranza e il Governo per evitare di mettere a rischio la conversione in legge del decreto, ormai prossima alla scadenza, visto che si profilavano all’orizzonte centinaia di emendamenti che avrebbero quasi certamente provocato un ingorgo parlamentare.

Dobbiamo quindi dire addio, almeno per il momento, ai tanto strombazzati interventi sulle tariffe Rc auto, che, tra le altre cose, promettevano riduzioni dal 4% al 7% per coloro che avrebbero accettato di farsi riparare l’auto da un carrozziere convenzionato con la compagnia assicurativa o per chi faceva installare sulla propria vettura la cosiddetta “scatola nera”. Autorevoli fonti parlamentari hanno però reso noto che il Governo, se avrà la fortuna di rimanere in carica ancora per qualche altro mese, provvederà quanto prima a riprendere in mano la questione predisponendo un disegno di legge ad hoc sul tema delle assicurazioni auto.

Dopo la diffusione della notizia dello stop alle novità sulla Rc auto, si sono levati numerosi commenti di giubilo bipartisan, a dimostrazione che i provvedimenti introdotti in realtà non piacevano quasi a nessuno. Per esempio il deputato democratico Dario Ginefra ha applaudito la marcia indietro del Governo, che ha preso atto delle perplessità fatte presenti anche dal gruppo del PD. Parole molto simili a quelle dell’On. Stefano Allasia della Lega Nord, secondo cui la decisione di stralciare l’articolo 8 ha reso giustizia alle oltre 14.000 carrozzerie e ai più di 60.000 operatori del settore che chiedevano un passo indietro da parte dell’Esecutivo. Più prudenti le dichiarazioni del Presidente del Nuovo Centro-Destra, Renato Schifani, per il quale lo stralcio dell’art.8 non è una vittoria per nessuno, ma una sconfitta per quei cittadini che da anni aspettano un segnale concreto di riduzione dei costi delle tariffe Rc auto.

Dura infine la risposta del Codacons, che ritiene gravissima la scelta di cancellare gli sconti previsti: “Questa decisione rappresenta un cedimento alla lobby delle assicurazioni. Ancora una volta un Governo si arrende alle pressioni dei poteri forti e rinvia alle calende greche un provvedimento indispensabile per far scendere le tariffe assicurative nel nostro paese che, ricordiamolo, sono le più alte d'Europa”.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Guide alle assicurazioni