02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Assicurazioni Vita e Danni: in diminuzione la raccolta premi 2012

pubblicato da il 8 marzo 2013
Assicurazioni Vita e Danni: in diminuzione la raccolta premi 2012

L’IVASS ha fornito gli interessanti dati relativi alla raccolta premi nei rami Vita e Danni nel 2012, nonché alla nuova produzione dei rami Vita. I dati si riferiscono alle imprese di assicurazione nazionali e alle rappresentanze per l’Italia di imprese di assicurazione con sede legale in Stati non appartenenti allo Spazio Economico Europeo.

Nel 2012 la raccolta premi realizzata nei rami Vita e Danni è ammontata a 105.109,4 milioni di euro, con un decremento del 4,6% rispetto al 2011, che è seguita al -12,5% rilevato in tale anno rispetto al 2010. In particolare, i premi Vita, pari a 69.707,2 milioni di euro, hanno mostrato una riduzione del 5,6%, con un’incidenza sul portafoglio globale Vita e Danni che si è attestata al 66,3% (era al 67% nel 2011); il portafoglio danni, che ha totalizzato 35.402,2 milioni di euro, si è invece ridotto del 2,6%, con un’incidenza del 33,7% sul portafoglio globale (33% nel 2011). È opportuno però specificare che il decremento è stato in parte influenzato dall’uscita dal portafoglio diretto italiano di tre imprese nazionali.

Andando più nello specifico per quanto riguarda i rami Vita, notiamo che il ramo I (assicurazioni sulla durata della vita umana), con 51.087,5 milioni di euro, ha registrato un decremento del 9,7% rispetto al 2011; il ramo III (assicurazioni le cui prestazioni principali sono direttamente collegate al valore di quote di OICR o di fondi interni), con 13.799,9 milioni di euro è incrementato del 10,5% rispetto al 2011; la raccolta del ramo V (operazioni di capitalizzazione) è ammontata a 2.814,4 milioni di euro, con un decremento del 10,1%. Tali rami hanno inciso sul totale premi vita rispettivamente per il 73,3%, per il 19,8% e per il 4% . Per il resto, i premi del ramo VI (fondi pensione) hanno rappresentato il 2,7% del portafoglio vita (2% nel 2011), mentre la raccolta relativa alle assicurazioni di ramo IV (assicurazioni malattia a lungo termine non rescindibili) e alle assicurazioni complementari hanno inciso per il restante 0,2% sul totale premi Vita (come nel 2011).

Analizzando infine il ramo Danni, scopriamo che il portafoglio premi dei rami Rc autoveicoli terrestri e Rc veicoli marittimi, lacustri e fluviali è ammontato complessivamente a 17.576,1 milioni di euro, presentando una flessione dell’1,2% rispetto al 2011, con un’incidenza del 49,6% sul totale rami danni (48,9% nel 2011) e del 16,7% sulla raccolta complessiva (16,1% nel 2011).
Gli altri rami, quelli con produzione più elevata e quindi con maggiore incidenza sul totale, sono stati Infortuni con l’8,4% (come nel 2011), Rc generale con l’8,3% (8,1% nel 2011), Corpi di veicoli terrestri con il 7,5% (8% nel 2011), Altri danni ai beni con il 7,4% (7,3%), Incendio ed elementi naturali con il 6,5% (6,4% nel 2011) e Malattia con il 6% (come nel 2011). Da ultimo si segnala il forte calo dell’incidenza del ramo credito, del resto già in atto dal 2011.

Sul sito dell’IVASS è disponibile il rapporto integrale della raccolta premi 2012 dei rami Vita e Danni, completo di tabelle, prospetti e tavole statistiche.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Guide alle assicurazioni