02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Raccolta premi nel 2013: crescono i rami Vita, in calo il settore Danni

pubblicato da il 14 marzo 2014
Raccolta premi nel 2013: crescono i rami Vita, in calo il settore Danni

L’ANIA ha appena diffuso i dati statistici relativi ai premi lordi contabilizzati nel 2013 per il lavoro diretto italiano dei rami Danni e dei rami Vita, con esclusione dei premi connessi all’attività di riassicurazione e all’attività estera. Secondo questa rilevazione, a cui hanno partecipato 129 imprese nazionali, 58 rappresentanze di imprese europee e 2 rappresentanze di imprese extra europee, lo scorso anno la raccolta complessiva dei premi ha sfiorato i 120 miliardi di euro con una crescita, in termini nominali e omogenei, del 13,1% rispetto alla raccolta del 2012 (+12% in termini reali). La dinamica è il risultato di un aumento significativo dei premi delle assicurazioni Vita e di una diminuzione di quello Danni. L’incidenza dei premi totali (Vita e Danni) sul Prodotto Interno Lordo è conseguentemente cresciuta passando dal 6,7% nel 2012 a 7,6%.

Nel 2013 la raccolta premi delle imprese nei rami Vita ha superato gli 85 miliardi di euro con una crescita, in termini nominali, del 22,1% rispetto al 2012 (+20,9% in termini reali). L’aumento registrato fa seguito alla contrazione registrata nel biennio precedente: -18% nel 2011 e -5,5% nel 2012. Nel 2013 l’aumento più rilevante della raccolta premi (+27%) si riscontra nei prodotti di ramo I-Vita umana che hanno raggiunto i 65 miliardi ritornando ai valori del biennio 2009/2010; in crescita anche la raccolta dei rami III-Linked (+12,4%), IV-Malattia (+19%) e V-Capitalizzazione (+16,6%). L’unico ramo del settore Vita ad aver mostrato un decremento della raccolta è stato il ramo VI – Fondi Pensione (-30,5%). L’incidenza della raccolta Vita sul Prodotto Interno Lordo è aumentata di oltre 1 punto percentuale passando dal 4,4% del 2012 al 5,5% del 2013.

Al boom del settore Vita ha fatto viceversa da contraltare la flessione dei rami Danni, con una raccolta premi nel 2013 pari a 33,7 miliardi e un calo, in termini nominali, del 4,6% rispetto al 2012 (-5,6% in termini reali). La diminuzione è riscontrabile sia nel settore delle assicurazioni Auto, i cui premi registrano una flessione, sempre in termini nominali, del 7,2%, e sia negli altri rami Danni i cui premi diminuiscono dell’1,0%. All’interno di questo macro-settore solo quattro rami registrano un aumento dei premi: Assistenza (+7,3%), Tutela legale (+5,0%), Altri danni ai beni (+2,6%) e Credito (1,3%); tutti gli altri rami (tra cui Perdite pecuniarie, Cauzione, Malattie, ecc.) sono risultati in calo. Nel 2013, l’incidenza della raccolta Danni sul Prodotto Interno Lordo è stata pari a 2,2%, in lieve riduzione dal 2,3% del 2012.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Guide alle assicurazioni