89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Polizza RC Auto digitale: il contrassegno elettronico dal 2014

pubblicato da il 18 ottobre 2012
Polizza RC Auto digitale: il contrassegno elettronico dal 2014

Arriverà molto presto, probabilmente già nel 2014, il contrassegno assicurativo elettronico della polizza RC auto. Diremo quindi addio al mitico vecchio bollo per lasciar spazio a un nuovo e più moderno sistema che, fra i tanti pregi, oltre a ridurre gli oneri delle compagnie con conseguente abbassamento delle tariffe, limiterà anche il diffuso fenomeno delle frodi nel settore. Secondo le ultime stime, pare infatti che in Italia circolino ben 3 milioni e mezzo di veicoli senza regolare copertura assicurativa. L’istituzione del cosiddetto tagliandino virtuale è uno dei punti cardine del recente Decreto Liberalizzazioni (Dl n. 1 del 24/01/2012).

Ma in cosa consiste nello specifico questo contrassegno elettronico? Tecnicamente è formato da una sequenza di bit codificata con una tecnica grafica idonea a contenere e mostrare i dati identificativi di un documento amministrativo informatico, compresi eventuali duplicati ed estratti. Più in concreto, nel momento in cui un automobilista stipulerà l’assicurazione gli verranno consegnati una scheda con microchip, su cui sarà memorizzata la polizza RC auto, e un particolare dispositivo elettronico, da installare all’interno della vettura, che ne potrà leggere il contenuto ed inviarne i dati alla centrale operativa della propria compagnia assicurativa. Ovviamente, qualora se ne presenti la necessità, anche i vari Tutor, Autovelox e le telecamere delle ZTL saranno in grado di verificare la validità della polizza mediante la lettura della scheda.

Come si intuisce, il contrassegno elettronico della RC auto rappresenta una decisa ventata di modernità che, dopo l’inevitabile fase di assestamento iniziale dovuta al cambiamento, incontrerà senza dubbio il favore dei consumatori. Le uniche perplessità sull’intero progetto riguardano quelle legate alle problematiche della privacy, messa potenzialmente in pericolo dal rischio che i dati possano essere persi o distrutti o, peggio ancora, utilizzati in modo illecito o comunque non conforme alle regole. Altri hanno invece puntato l’indice sul sistema di controllo dei Tutor che, attraverso la rilevazione delle schede, sarebbero in grado di localizzare all’istante tutti gli automobilisti italiani. Inconvenienti di una certa importanza su cui è opportuno che si intervenga in maniera adeguata. Per fortuna, a quanto pare, il Ministero dei Trasporti sta già operando in tal senso.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Guide alle assicurazioni