02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Incentivi auto 2014: dal 6 maggio nuovi contributi per i veicoli ecologici

pubblicato da il 30 aprile 2014
Incentivi auto 2014: dal 6 maggio nuovi contributi per i veicoli ecologici

Tornano a sorpresa gli incentivi statali per le automobili (e non solo): nella giornata di ieri il Ministro dello Sviluppo Economico ha infatti firmato un decreto che fissa le risorse, relative al 2014, destinate a finanziare nuovi contributi per i veicoli a basse emissioni complessive. Il provvedimento, che ha una finalità ambientale e non va inteso come una misura di sostegno al mercato delle auto, punta a incentivare l’acquisto di veicoli ad alimentazione alternativa (elettrici, ibridi, a metano, biometano, GPL, biocombustibili, idrogeno) con emissioni di anidride carbonica (CO2), allo scarico, non superiori, rispettivamente a 120, 95 e 50 g/km.

Sono ammessi agli incentivi 2014 le automobili, i veicoli commerciali leggeri, i ciclomotori e motocicli a due e tre ruote e i quadricicli. La metà delle risorse disponibili, stimate complessivamente in 63,4 milioni di euro, è destinata ai veicoli aziendali e a quelli ad uso pubblico come taxi, car-sharing, noleggio e servizi di linea, subordinatamente alla rottamazione di un veicolo vecchio almeno dieci anni. Il restante 50% delle risorse è invece destinato ai veicoli con emissioni non superiori a 95 g/km (essenzialmente elettrici e ibridi) per i quali non è obbligatoria la rottamazione e che sono aperti a tutte le categorie di acquirenti, inclusi i privati cittadini.

Per i veicoli acquistati nel 2014 il contributo sarà pari, per tutti i veicoli ammissibili, al 20% del costo complessivo del veicolo così come risultante dal contratto di acquisto, con un tetto massimo di 5.000 euro per i veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 50 g/km, 4.000 euro per i veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km, e 2000 euro per i veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 120 g/km. Il contributo può essere erogato solo per veicoli nuovi, ovvero non precedentemente immatricolati e ancora non coperti dall'assicurazione.

Come già anticipato in precedenza, per poter accedere alle risorse riservate ai soli casi in cui sia prevista la contestuale rottamazione di un veicolo obsoleto, è necessario che venga contestualmente rottamato un veicolo della stessa tipologia di quello acquistato (per esempio ciclomotore con ciclomotore, motociclo con motociclo, auto con auto, ecc.) più vecchio di dieci anni, e che il veicolo rottamato sia già di proprietà, da almeno 12 mesi prima del nuovo acquisto, del soggetto acquirente o di un suo familiare convivente alla data di acquisto. Il contributo, ripartito in parti uguali tra uno sconto del venditore e il contributo statale, verrà corrisposto direttamente dal venditore all’acquirente mediante compensazione con il prezzo di acquisto. Ulteriori informazioni all’indirizzo web www.bec.mise.gov.it.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Guide alle assicurazioni