02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Cinture di sicurezza obbligatorie: in Italia il 12% non le allaccia

pubblicato da il 27 novembre 2014
Cinture di sicurezza obbligatorie: in Italia il 12% non le allaccia

Interessante indagine di Direct Line sul rapporto degli italiani con le cinture di sicurezza obbligatorie, a circa otto anni dall’entrata in vigore della legge che le ha imposte a tutti i passeggeri, anche quelli seduti sui sedili posteriori, presenti nell’abitacolo di un’autovettura: in Italia il 12% non le allaccia.

Dalla ricerca sembra che l’atteggiamento degli automobilisti italiani sia abbastanza buono: l’88% degli intervistati ha infatti ammesso senza indugio di utilizzare sempre le cinture. Una percentuale alta, che rispecchia una cultura più responsabile affermatasi da tempo grazie soprattutto ai guidatori nati dagli anni ’70 in poi (è stato più difficile, invece, cambiare le abitudini dei guidatori meno giovani che si erano ormai adattati a viaggiare senza cintura). Non va però sottovalutato il dato, minoritario ma comunque corposo, del restante 12% che ha confessato di usare la cintura solo qualche volta (9%), esclusivamente nei lunghi viaggi (1%), oppure soltanto quando siede sul sedile anteriore (2%).

Analizzando i dati per fasce d’età, si nota come i più attenti alla sicurezza siano i più giovani (dai 18 ai 24 anni) che con il 90% registrano la percentuale più alta di coloro che indossano sempre le cinture. Seguono a breve distanza i 35-44enni con l’89%, mentre i 25-34enni e gli over 45 sono all’ultimo posto con l’84%.

Più critica, invece, la situazione sulla corretta conoscenza della normativa per il trasporto dei bambini in auto: solo il 70% degli italiani presta adeguata attenzione affinché le cinture di sicurezza dei più piccoli siano allacciate nel modo idoneo. Tra coloro che ammettono di non essere informati, il 7% dichiara in maniera quanto meno improvvida (per non dire sciagurata) che è sufficiente la propria guida prudente a salvaguardare la sicurezza dei bambini a bordo, dimenticando che si può rimanere coinvolti in un sinistro a prescindere dalle proprie responsabilità.

Negativo anche il dato relativo ai passeggeri seduti sui sedili posteriori della vettura: in Italia solo il 38% dei guidatori si accerta che le persone sedute nel retro allaccino le cinture, mentre il 45% preferisce lasciare libera scelta ai passeggeri adulti, imponendone l’uso (12%) solo ai bambini. Male, molto male.
 

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Guide alle assicurazioni