89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Rc auto: gli emendamenti al decreto Destinazione Italia

pubblicato da il 24 gennaio 2014
Rc auto: gli emendamenti al decreto Destinazione Italia

Manca poco alla conversione in legge del decreto Destinazione Italia, il piano del Governo per rilanciare l’economia del nostro Paese che contiene anche diverse misure per la riduzione delle tariffe Rc auto. Il testo del decreto è in questo momento al vaglio della X commissione della Camera (Attività produttive) in sede congiunta con la VI commissione (Finanze), ed è molto probabile che approderà in Aula accompagnato da numerosi emendamenti presentati da esponenti di qualsiasi parte politica.

Tra i più attivi c’è sicuramente l’On. Leonardo Impegno, deputato del Partito Democratico, che ha presentato una serie di emendamenti sul tema Rc auto motivandoli con la necessità di far fronte alle giustificate richieste dei consumatori. “Il decreto del governo”, ha spiegato Impegno, “punta tutto sulla repressione delle frodi, che è giusto perseguire, ma non introduce nessuna novità per affrontare il problema del costo per gli automobilisti. Il costante aumento del prezzo delle polizze negli ultimi anni è diventato intollerabile soprattutto al Sud e in particolare nella provincia di Napoli, dove si paga anche più del triplo rispetto alla media nazionale”. Il parlamentare democratico ritiene soprattutto  ingiusto che il maggior costo delle polizze, dovuto al tasso di sinistri in un determinato territorio, sia a carico anche degli automobilisti onesti e virtuosi.

Per questo motivo l’On. Impegno ha presentato una proposta di modifica della normativa che introduce l’obbligo, per le compagnie d’assicurazione, di applicare una tariffa unica nazionale (quella più bassa) a tutti gli assicurati, senza distinzione geografica, che abbiano superato i 5 anni consecutivi senza incidenti. Un altro emendamento punta a raddoppiare, per gli assicurati delle regioni in cui è stata registrata la maggiore sinistrosità, gli sconti praticati dalle compagnie a coloro che sottoscrivono clausole contrattuali quali l’installazione della scatola nera, il divieto di cessione credito e l’obbligo di curarsi, in caso di incidente, presso medici convenzionati con la compagnia assicurativa. Infine Impegno propone che le assicurazioni pubblichino le loro tariffe in maniera trasparente, per impedire che diverse agenzie della stessa società possano, nello stesso territorio, e alla stessa persona, praticare due prezzi differenti, utilizzando discrezionalmente la pratica degli sconti.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Guide alle assicurazioni