89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

RC auto: al posto del bollo cartaceo non ci sarà un contrassegno elettronico

pubblicato da il 23 ottobre 2013
RC auto: al posto del bollo cartaceo non ci sarà un contrassegno elettronico

È ormai noto che tra circa 18 mesi, precisamente da aprile del 2015, diremo addio al bollo cartaceo della RC auto: tutti i conducenti di veicoli a motore su strada, compresi quelli a due ruote, non dovranno più esibirlo sul parabrezza. Ma è bene precisare, perché c’è un po’ di confusione in merito, che l’abolizione del tagliando di carta non comporterà l'obbligo di installare al suo posto un contrassegno elettronico: il controllo del pagamento del premio avverrà infatti mediante la lettura delle targhe, attraverso l'archivio integrato della Motorizzazione Civile che, oltre ai dati dei veicoli, raccoglie anche quelli sulle polizze di assicurazione.

A fare chiarezza, con una nota pubblicata dall’agenzia Ansa e poi sul sito ufficiale dell’associazione, è stato è il direttore centrale dell'Ania, Vittorio Verdone, contemporaneamente all’entrata in vigore del decreto sulla dematerializzazione adottato dal Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero dei Trasporti. “A sostituire l’assicurazione cartacea non ci sarà nessun microchip o dispositivo elettronico da applicare sul veicolo”, ha spiegato Verdone, “soluzione che il Ministero ritiene al momento inutilmente costosa”.

L'obiettivo di ridurre le frodi, contrastando la contraffazione dei contrassegni cartacei e l'evasione dell'obbligo assicurativo indicato dal decreto, sarà quindi perseguito utilizzando i sistemi di rilevazione automatica delle targhe già in uso per il controllo della velocità e dell'accesso alle zone a traffico limitato, come telecamere ZTL, Autovelox o Tutor. Le “fotografie” delle targhe saranno poi trasferite all'archivio integrato della Motorizzazione Civile che, attraverso controlli incrociati telematici tra banche dati, individuerà eventuali evasori del pagamento della RC auto, avviando automaticamente la procedura di sanzione.

In verità già al giorno d’oggi sono possibili, da parte degli agenti delle autorità competenti, controlli incrociati telematici tra le banche dati delle targhe dei veicoli e quelle delle polizze assicurative, ma per inserire i dati della targa è necessario fermare il veicolo. Invece la grande novità del nuovo sistema sarà la possibilità di effettuare controlli di massa su auto, moto e camion di passaggio.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Guide alle assicurazioni