89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Assicurazioni e calamità naturali: un business da 366 miliardi di dollari

pubblicato da il 22 novembre 2013
Assicurazioni e calamità naturali: un business da 366 miliardi di dollari

“I danni causati dalle catastrofi naturali sono aumentati a dismisura negli ultimi trent’anni soprattutto a causa del crescente valore economico, e il settore assicurativo appare il candidato principale per la distribuzione e la gestione dei rischi cui sono esposte le famiglie e le imprese e per la liquidazione dei danni”. Chi parla è Antonio Coviello, ricercatore dell'Istituto di ricerche sulle attività terziarie del CNR nonché docente di Economia e gestione delle imprese di assicurazione alla Seconda Università di Napoli, autore dell’interessante volume Calamità naturali e coperture assicurative.

Secondo lo studio effettuato da Coviello, tra il 1963 ed il 2012 ben 782 comuni italiani hanno subito inondazioni e frane, che hanno causato rispettivamente 1.563 e 5.192 vittime tra morti, feriti e dispersi e un totale di 421.227 tra sfollati e senzatetto, con un costo medio dello 0,2% del Pil annuo. Nel solo 2011 il numero dei disastri naturali nel mondo è stato impressionante: 332, con oltre 30.000 vittime, 245 milioni di persone colpite e oltre 366 miliardi di dollari di danni economici, pari a circa 280 miliardi di euro. “Una recente indagine del Dipartimento di ricerca economica di Munich Re e uno studio dell'Università di Wuerzburg”, continua Coviello, “hanno rilevato che i danni diretti causati dalle catastrofi naturali nei paesi emergenti totalizzano in media il 2,9% del Pil ogni anno. Nei paesi industrializzati maggiormente esposti, quali il Giappone per i terremoti, l'Europa centrale per le alluvioni e gli USA per i tornado, la percentuale scende allo 0,8, mentre è dell'1,3% nei Paesi in via di sviluppo”.

In questi casi, teorizza Coviello, la copertura assicurativa obbligatoria è lo strumento più adeguato per gestire economicamente i danni da catastrofe naturale: adottata in molti Paesi europei, è caldeggiata anche dall'Ocse, che suggerisce di introdurre opportuni quadri normativi in materia per permettere agli attori economici di pianificare eventuali interventi di prevenzione e di preparazione. Ricordiamo a proposito che proprio in questi giorni sarà presentato al Senato della Repubblica il disegno di legge per l’assicurazione obbligatoria contro i rischi derivanti da calamità naturali. L'assicurazione ha sicuramente un primo effetto indiretto di riduzione dei danni, in quanto i premi rappresentano un incentivo per l'assunzione di misure preventive e conferiscono al rischio rispettivo un prezzo, oltre ovviamente a supportare in maniera diretta la ricostruzione nell'eventualità di una catastrofe.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Guide alle assicurazioni