89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Assicurazione auto: maggior sicurezza con il reato di omicidio stradale

pubblicato da il 27 marzo 2015
Assicurazione auto: maggior sicurezza con il reato di omicidio stradale

Oggi come oggi una regolare polizza di assicurazione auto non risarcisce i danni provocati da condotte illecite alla guida, poiché spesso i contratti prevedono apposite clausole di esclusione della responsabilità da parte della compagnia assicurativa in caso di comportamenti illegali dell’assicurato. Ma presto le cose potrebbero cambiare, anche in ambito RC auto, con la probabile introduzione del reato di “omicidio stradale”.

Alla luce anche degli ultimi tragici fatti di cronaca, il Governo e la maggioranza che lo sostiene hanno deciso di presentare alla Commissione Giustizia del Senato un Ddl, a firma del senatore Giuseppe Cucca del PD, che introduce non solo il reato di “omicidio stradale” ma anche quello di “lesioni stradali”, cancellando di fatto tutte le attenuanti con esclusione della minore età e della particolare tenuità del fatto. Il presidente della commissione, Francesco Nitto Palma, ha già fissato al prossimo 21 aprile il termine per il deposito degli emendamenti al testo unificato.

L’articolo più significativo del Ddl all’esame del Senato recita che “chiunque, ponendosi consapevolmente alla guida di un autoveicolo o di un motoveicolo, in stato di ebbrezza alcolica o di alterazione dovuta all’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope, cagioni la morte di una persona è punito con la reclusione da otto a dodici anni. Nel caso di morte di più persone, ovvero di morte di una o più persone e di lesioni ad una o più persone, la pena può essere aumentata fino al triplo, per un massimo di diciotto anni”. Se inoltre l’investitore si dimostrasse lucido e sobrio, ma comunque avesse proceduto a una velocità doppia del consentito, la pena sarà da quattro a otto anni.
Per quanto riguarda le “lesioni stradali”, i danni permanenti saranno puniti con una condanna da sei mesi a due anni (qualora il guidatore non fosse sobrio o lucido), mentre nel caso di lesioni gravissime la pena aumenterà da un terzo alla metà.

Per il momento non è stata invece presa in considerazione un’altra misura molto severa, il cosiddetto “ergastolo della patente”, ossia la revoca a vita in caso di guida in stato di ebbrezza o sotto alterazione di droghe o psicofarmaci. Infatti, come ha spiegato lo stesso sen. Cucca, per sveltire l’iter del provvedimento questa misura è stata inviata all'esame della commissione Lavori Pubblici dove si tratta la riforma del nuovo Codice della Strada, di cui dovrebbe far parte.

E’ facile intuire che tali norme, una volta approvate, potrebbero incidere anche sui contenuti dei contratti RC auto, con le compagnie chiamate a ridiscutere clausole e parametri e a fornire preventivi assicurazioni probabilmente diversi da quegli attuali. Per questo l’intero sistema assicurativo guarda con molta attenzione a quanto accadrà prossimamente in Parlamento.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Guide alle assicurazioni