02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Come ridurre i prezzi della RC Auto: le proposte dell’ANIA

pubblicato da il 8 novembre 2013
Come ridurre i prezzi della RC Auto: le proposte dell’ANIA

I prezzi della RC Auto, dopo il triennio di aumenti registratisi tra il 2009 e il 2012, appaiono da circa un anno in netta diminuzione. Lo ha detto il presidente dell’Ania, Aldo Minucci che, nel corso di un’audizione svolta di fronte alla VI Commissione finanze della Camera, ha illustrato le proposte degli assicuratori per ridurre strutturalmente la dinamica tariffaria. La riduzione si spiega con gli effetti della crisi economica e i prezzi dei carburanti che hanno determinato una forte contrazione della circolazione e quindi del numero dei sinistri. Inoltre ha pesato la recente norma che ha reso più stringenti i controlli sui danni lievissimi alla persona, prevedendo l’accertamento clinico e strumentale per la loro risarcibilità.

La natura prevalentemente congiunturale del calo delle tariffe evidenzia però la necessità di adottare alcune misure strutturali per garantire una riduzione durevole della spesa assicurativa, avvicinando i prezzi praticati in Italia a quelli dei principali paesi europei. Il complesso di queste proposte potrebbe infatti consentire di realizzare una riduzione a doppia cifra nelle aree critiche del paese dove il prezzo della RC auto è più elevato per la presenza di diffusi comportamenti speculativi.

Per esempio, a oltre sette anni dall’approvazione del Codice delle assicurazioni, deve ancora essere emanata la prevista tabella per il risarcimento per i danni gravi alla persona, ovvero quelli che incidono con un danno biologico tra i 10 ed i 100 punti di invalidità: una legge che poneva il duplice obiettivo di garantire certezza e uniformità valutativa ai risarcimenti e di contemperarne l’equità con costi assicurativi compatibili per la comunità. Con l’introduzione di tale tabella si determinerebbe un’immediata riduzione tariffaria nell’ordine del 3-5% (circa 20 euro in meno per veicolo), con una portata ancor superiore se proiettata nel medio periodo.

Sarebbero poi auspicabili ulteriori interventi atti a rallentare la dinamica dei prezzi dell’assicurazione obbligatoria. A giudizio del settore assicurativo le principali misure dovrebbero riguardare l’incentivazione del risarcimento in forma specifica, la riduzione dei termini per presentare una richiesta di risarcimento e l’adozione di un metodo obiettivo di misurazione dell’andamento dei prezzi.

Inoltre, per ridurre i fenomeni fraudolenti che, soprattutto in alcune aree del paese, contribuiscono a far lievitare il costo della RC auto, l’Ania ritiene opportune alcune modifiche nelle procedure di liquidazione dei danni: in particolare si propone di ampliare da 5 a 8 giorni i termini a disposizione di una compagnia per svolgere perizie sui mezzi danneggiati; di identificare immediatamente gli eventuali testimoni dei sinistri impedendo la tardiva segnalazione di testimoni che attualmente consente pratiche scorrette; di vietare la cessione del credito del diritto al risarcimento, impiegata attualmente per aumentare il costo del sinistro a favore di intermediari professionali; di ampliare da 30 a 90 giorni i termini previsti per gli approfondimenti in caso di sospetta frode.

Da non sottovalutare infine la questione delle polizze con scatola nera, la cui disciplina richiederebbe una sostanziale modifica.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Guide alle assicurazioni