02 55 55 999 Lun-Sab 9.00-21.00

Test di velocità ADSL: una delusione per italiani ed europei

pubblicato da il 9 luglio 2013
Test di velocità ADSL: una delusione per italiani ed europei

La Commissione Europea accerta, per la prima volta con un’indagine ufficiale, la netta discrepanza fra le velocità delle connessioni ADSL pubblicizzate dagli Internet Service Provider e quelle realmente a disposizione degli utenti. Più in generale, la banda larga fissa offre solo il 74% delle prestazioni reclamizzate dai gestori e peggio ancora va con i soli servizi xDSL, i più diffusi tra la clientela privata e business.

A dirlo è stata Neelie Kroes, Vicepresidente della Commissione Europea, a commento dello studio “Quality of Broadband Services in the EU March 2012”, dal quale emerge come solo il 63,3% della velocità di trasmissione pubblicizzata dagli ISP per i servizi xDSL sia effettivamente a disposizione dell’utente finale. Va meglio con le connessioni via cavo, per le quali si registra il 91,4% della disponibilità, seguite delle reti FTTx con l’84,4%.

Duro il commento di Neelie Kroes:  “Questa tipologia di dati serve ai consumatori perché possano fare delle scelte consapevoli ed è per questo che l’esercizio verrà ripetuto. Consideriamo questi primi dati come un’ulteriore prova della necessità di creare un mercato unico realmente connesso”. Lo studio durerà fino al termine del 2014, raccogliendo ulteriori dati attraverso l’opera di volontari che, dotati di un dispositivo speciale e di una community dedicata, monitoreranno la situazione all’interno di 27 Stati membri dell’UE, in Croazia, Islanda e Norvegia.

Scendendo nei dettagli di questa prima fase dell’indagine, già emergono dati significativi sullo stato della banda larga in Europa. Durante le ore di punta, dalle ore 19.00 alle 23.00 dei giorni infrasettimanali, la velocità media di trasmissione dati (download) è di 19,47 Mbps:  41,02 Mbps per i servizi FTTx, 33,10 Mbps via cavo e appena 7,2 Mbps con gli xDSL. Più coerenti con le velocità pubblicizzate dagli ISP (88% contro il 74% dei download), invece, sono le velocità di caricamento dati (upload) che si attestano sulla media dei 6,20 Mbps: 19,8 Mbps per i servizi FTTx, 3,68 Mbps via cavo e 0,69 Mbps per gli xDSL.

Perché esistono queste differenze di prestazioni tra le velocità di connessione reclamizzate dai gestori e i risultati degli speed test? La risposta, come sempre più spesso avviene, è da ricercare nelle pratiche pubblicitarie in uso nei diversi Paesi e in frasi come “fino a XX Mbit/s”. Si tratta di velocità “pubblicizzata”, anche nota come “nominale” o “da slogan”, in quanto la realtà è ben diversa. Una nutrita percentuale dei navigatori europei, compresa tra il 27% e il 41% degli abbonati, sostiene infatti di non usufruire delle performance dichiarate nel contratto con l’ISP e, addirittura, circa il 50% degli intervistati sostiene di avere difficoltà di accesso ai contenuti online, dovute alla lentezza o alla qualità della connessione.

Grazie allo studio “Quality of Broadband Services in the EU March 2012”, ai suoi futuri sviluppi e alla collaborazione con la task force SamKnows, l’Europa conta di creare un sistema più chiaro ed efficiente per tutto ciò che riguarda l’accesso a internet negli Stati membri.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le tariffe ADSL dei maggiori operatori, scegli l'offerta più conveniente per te e richiedi l'attivazione on line.

Compagnie telefoniche

Le compagnie partner di Facile.it sono gli operatori principali del mercato.

Compagnie telefoniche

Guide all'ADSL

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy