89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

L’Agenda Digitale di Matteo Renzi: cambio di mentalità

pubblicato da il 24 febbraio 2014
L’Agenda Digitale di Matteo Renzi: cambio di mentalità

Il futuro tecnologico dell’Italia non passa solo dagli investimenti in infrastrutture, ma anche da un nuovo modo di pensare al futuro. Sono queste, in estrema sintesi, le parole pronunciate dal neo Presidente del Consiglio Matteo Renzi, sulla scia della conferenza stampa di febbraio di Enrico Letta, durante la quale era stata annunciata la roadmap che il nostro Paese dovrà seguire per centrare gli obiettivi europei del 2020 in termini di banda larga e connessioni veloci.

Al “piano Letta”, come sua consuetudine, Matteo Renzi aggiunge un tocco di passione e concretezza alla ricetta per la competitività, traducibile con un auspicato “cambio di mentalità” a favore di imprese e cittadini, peraltro già ben descritto nel programma renziano per le primarie 2013 e tornato d’attualità in questi giorni con il cambio al vertice di Palazzo Chigi.

Di cosa si tratta? La parola d’ordine è “semplicità” o, se preferite, “semplificazione”. L’evoluzione tecnologica del Paese, secondo quanto si legge nella “Mozione” di Renzi per le ultime primarie, dovrà portare significativi vantaggi al sistema fiscale, normativo e giudiziario. “Inseguire la semplicità significa che il PD proporrà progetti di riforma sul fisco, sulla giustizia e sulla pubblica amministrazione, discussi in tempi certi con i circoli, con gli amministratori, con i parlamentari e aperti alla discussione tramite vecchi canali e nuove tecnologie - spiega Renzi nel suo documento. Partendo dal presupposto di uno Stato che cerca di lasciare liberi i cittadini. Di rispettare i tempi delle persone, per esempio non chiedendo più di produrre un documento di cui sia in possesso un’altra amministrazione pubblica”.

Al centro della vision renziana di un’Italia più tecnologica ed efficiente ci sono anche i cittadini come testimoni delle varie problematiche che si riscontrano quotidianamente nei rapporti con la PA. Se gli open data possono rivelarsi una cartina al tornasole per verificare l’efficienza della politica e degli enti pubblici, ancor più importante è l’idea di partecipazione dei cittadini, un trait d’union che accomuna la nuova corrente del PD al movimento di Grillo, da tempo promotore di iniziative “dal basso”. In tal senso, sarà curioso scoprire se Matteo Renzi, dopo l'insediamento, riuscirà davvero ad allestire un progetto di piattaforma “trasversale” che possa avvicinare italiani e politica attraverso la partecipazione dei cittadini alla cosa pubblica.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le tariffe ADSL dei maggiori operatori, scegli l'offerta più conveniente per te e richiedi l'attivazione on line.

Compagnie telefoniche

Le compagnie partner di Facile.it sono gli operatori principali del mercato.

Compagnie telefoniche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it su alcuni dei temi più ricercati nel settore internet ADSL.

Guide all'ADSL

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy